Sicilia

Stasera non si esce, in tv c’è Montalbano!!

Sono stata una camilleriana della prima ora. Dagli “arancini” in poi non ho mai mancato un appuntamento col commissario adorato. Leggevo Vasquez Montalban, ma il piacere che mi danno le pagine dell’autore agrigentino è incomparabile. La lingua che per me è musica, l’umorismo che pervade le storie senza scadere nello sguaiato o nello sberleffo. Così come ho amato e seguito le trasposizioni tv, con quella fotografia splendida e quegli interni decadenti e veri che solo in Sicilia si possono ancora trovare. Piuttosto, il mio attore ideale nei panni di Montalbano sarebbe stato un Adriano Giannini, più sgualcito e fisicamente sornione di Luca Zingaretti, che ha un suo twist più moderno e dinamico. Ma ormai Montalbano è lui per me come per tutti. Ora ci voleva il prequel per saziare quella sete residua di storie siciliane che ancora ci affliggeva…

[per continuare, clicca qui: http://www.cinquequotidiano.it/politica/maledetta-tv/2015/10/12/rai-il-giovane-montalbano-il-ladro-onesto-anticipazioni-trama/%5D

Via Giulia: MB COUTURE in mostra alle Officine Domus in Percorso In- Contaminato

 

mb3

 

Ève vi ha già parlato di Michele Bono e Claudio Palillo, un duo di creativi che dalla natia Sicilia ha portato nel continente la ricchezza e la sensualità dell’isola  per creare abiti da sogno.

Oggi oltre che con il lavoro di stilisti sono in mostra con le loro creazioni pittoriche alle Officine Domus in Via Giulia. Insieme alle opere delle artiste Hristine Andreeva e Mokodu Fall, il duo di creativi della MB couture espone enigmatici sguardi di donna nei colori primari. In alcune opere usano la tecnica del decoupage, con il richiamo ad un abito realizzato in carta di giornale. Ad indossarlo per prima, anni fa è stata Fabiola Speziale grande amica della coppia di MB couture, affermatasi poi a Miss Italia lo scorso anno come seconda classificata. E proprio Fabiola, mora bellezza siciliana, ha fatto da testimonial alla vernice dell’evento indossando le creazioni della griffe, ultrafemminili e sensuali secondo lo stile MB.

Ancora pochi giorni per visitare la mostra Percorso In-Contaminato.
Alle Officine Domus di Via Giulia fino al 22 dicembre.

I Racconti di Nené

Classe 1925, scrittore, regista, sceneggiatore. Che ve lo deve dire Ève chi è Andrea Camilleri? Le sue storie raccontano in maniera ironica e con affetto di personaggi che fanno parte della nostra storia. Libri che si leggono senza fiato sotto il profumo degli agrumi di Sicilia.

L’ultimo capolavoro: I racconti di Nené. I suoi personaggi si chiamano Leonardo Sciascia e Luigi Pirandello, Eduardo De Filippo e Renato Rascel, Samuel Beckett e George Patton.

Camilleri presso La Feltrinelli

Lunedì 28 Ottobre 2013 dalle ore 17:30

via Appia Nuova 427 – 00181 Roma RM

Interviene Vincenzo Mollica

…motivi per amare la Sicilia

4L6A5615Ieri sera su Twitter si discettava sui motivi per amare la Sicilia. Io ne avrei una lista infinita…certo, per la bellezza struggente dei  paesaggi, per il mare da sogno, per la cucina sontuosa e irresistibile.

Ma anche per i miei motivi piu’ intimi: perché sono andata a scuola dalle Orsoline , ma di Siracusa e l’accento siciliano per me bambina era italiano ortodosso…. perché sono stata una Camilleriana della prima ora…perché Tomasi di Lampedusa o Vitaliano Brancati hanno colto l’anima sicula come e meglio di Sciascia e a me, quell’anima piace…

E di amici siciliani ne ho tanti, vecchi e nuovi. Soprattutto in quella parte che punta alla Tunisia e si affaccia su quella prova dell’esistenza di Dio che sono le Egadi

Ma con uno la storia è divertente. Eravamo poco piu’ che ragazzi, io ero a Milano e mi divertivo con le cose e la gente della moda. Un giorno mi metto in testa di fare uno shooting fotografico con un amico…lui voleva fare degli scatti un po’ cyber, un po’ folli…io invece volevo abiti couture in un ambientazione industriale…si’ insomma se ve lo racconto potete facilmente immaginare chi l’ha avuta vinta. E allora ci siamo divertiti a sperimentare un po’ con questa modellina alle prime armi, che nelle mani di un truccatore esperto è diventata non solo una Donna, ma una Dama…gli abiti erano di questo ragazzo siciliano che avevo visto sfilare all’allora Grand Hotel di Roma. Mi aveva colpito, con i colori ma anche i dettagli  delle ceramiche della sua terra – precursore…andate un po’ a guardare l’ultima campagna di Dolce e Gabbana – l’azzurro piu’ intenso, il giallo piu’ forte. Io, sono  sempre stata milanese dentro (e fuori) portata al rigore e al colore con parsimonia. Invece Michele Bono, che è di Sciacca, non ha mai esitato a mettere nel suo abito tutto quello che aveva dentro: vivacità, passione, tinte forti appunto.

E quindi mi è piaciuto ritrovarlo e vedere che crea sempre per le donne vere, quelle che non rinnegano la propria femminilità piu’ evidente e immediata. Quelle more, formose, un po’ Malena un po’ Carmen, che in Sicilia hanno la patria e il luogo del cuore.

Michelebonocouture

Motiviperamarelasicilia

www.sciacca.it

mb1 mb2

Isola Ferdinandea

Pizzo, seta e pelle rigorosamente in nero per ricordare la pietra lavica… Coralli e turchesi che si rifanno al “Banco Corallino” del sito nell’azzurro mare siciliano e quel piccolo gusto “Spagnolo” in onore a Ferdinando II di Borbone, il tutto accompagnato da preziosi coralli di Sciacca.

La storia dell’isola Ferdinandea, per farla breve, è questa: il 5 luglio del 1831, al largo di Sciacca, tra tuoni, fulmini, saette, dal mare ribollente emerse un’isola nera, un piccolo vulcano in eruzione.
In quello stesso periodo Ferdinando II di Borbone era in visita in Sicilia e, incuriosito dallo strano fenomeno, mandò subito sul luogo una nave reale, l'”Etna“. Ma anche gli inglesi erano molto interessati a un avamposto così strategico, tanto che inviarono due navi per esplorare il nuovo territorio e prenderne possesso.

Così almeno racconta nelle cronache dell’epoca il capitano Shenouse, a sostegno del fatto che l’isola apparteneva agli inglesi, che la chiamarono “isola Graham”.

Anche i francesi non si tirarono indietro, sbarcarono sull’isola e la fecero propria col nome di “Giulia“. Nel frattempo i Borboni nell’agosto del 1831 decisero di annetterla al Regno delle Due Sicilie, come isola Ferdinandea.

Dunque l’isola aveva tre nomi, ed era contesa tra tre grandi potenze: ma tanto interesse non fu sufficiente a contrastare le leggi naturali. Dopo soli cinque mesi, l’isola, così come era apparsa, scomparve di nuovo tra i flutti. Ancora oggi, a soli otto metri di profondità, si può raggiungere la vetta del vulcano.

La scomparsa dell’isola non fece sopire le polemiche tra chi poteva vantare il fatto di aver messo piede sull’isola e chi non poteva dimostrare altrettanto.

La gente del posto ricorda che furono i pescatori di Sciacca a sbarcarvi per primi, al comando di Michele Fiorini: l’isola dunque era dei siciliani. La leggenda dice che non vi piantarono una bandiera, bensì un remo: l’isola veniva dal mare e al mare sarebbe tornata.

Il sito è anche una buona occasione per scoprire le risorse culturali, paesaggistiche, storiche e architettoniche della Sicilia.

Gioco di Anime …

rc1

Romina & CriCri

Book Trailer:

Romina Caruana, nata ad Agrigento, Attrice tra Sicilia, Los Angeles e Roma. Il suo primo romanzo: E’ solo un gioco di anime Edito da Ciesse Edizioni in libreria e su http://amazom.com/

Un romanzo sull’autismo, basato su una storia vera.

Per anni ho cercato di capire cosa fosse l’autismo studiando ogni articolo che ne affrontasse l’argomento nella speranza di comprendere cosa si nascondesse dietro la personalità complessa, compromessa e al contempo così veramente gioiosa di mio fratello, colpito dal disordine dello spettro autistico.

 “Si dice che i bambini autistici siano angeli caduti dal cielo che non vogliono scendere sulla terra.”

È solo un gioco di anime vuole essere una testimonianza di come un grande dolore si trasforma in luce e in gioia di vivere. L’autismo non è una disgrazia, se spostiamo l’attenzione e la osserviamo da un punto di vista più alto forse ci accorgiamo che questi angeli son venuti per insegnarci qualcosa.

https://www.facebook.com/RominaCaruana
http://www.rominacaruana.com/