CHECCO ZALONE : BENEFICO MA SEMPRE IRONICO NELLO SPOT A FAVORE DELLA RICERCA SULLA SMA

 

Che cosa ci fa il comico più scorretto di tutti in uno spot per una raccolta fondi? Quello che fa sempre, l’italiano medio nei suoi aspetti peggiori e alla fine simpatico, in una campagna in onda dal 25 settembre fino all’8 ottobre.

POLITICALLY CORRECT ? NO GRAZIE Dopo anni di dittatura del politicamente corretto, il comico barese Checco Zalone ci ha abituato a un linguaggio e un umorismo più vicini al vecchio avanspettacolo, sia pure con intelligente ironia. E dopo aver dileggiato orientamenti sessuali, religione e naturalmente aspetto fisico dei personaggi dei suoi sketch tv e nei suoi film, adesso se la prende anche con la malattia, interpretando come sempre il nostro vicino di casa egoista e furbesco. Che forse è in ognuno di noi.

C’ERA UNA VOLTA LA PUBBLICITA’ PROGRESSO Ve la ricordate? Con la P gigante, si trattava di campagne di promozione di temi di rilevanza sociale. Soltanto poi ci sono state Telethon e le grandi iniziative a favore della ricerca, che hanno portato all’attenzione delle masse i problemi della disabilità, soprattutto se legata a malattie rare. Oggi Checco Zalone, forte della sua popolarità da record,  diventa il volto di una campagna per la ricerca sulla atrofia muscolare spinale, un male che attaccando i motoneuroni – cellule nervose del midollo spinale – porta a una perdita progressiva della capacità di movimento. Protagonista del video insieme a lui è Mirko, un ragazzo in carrozzina affetto da questa malattia, che interpreta il vicino del comico. Quest’ultimo si spazientisce: a causa di Mirko una volta si rovina la macchina nuova, poi perde l’aereo, di notte non può dormire.. fino al punto che gli “sottrae” anche il posto auto e al ragazzo che minaccia di chiamare i vigili, risponde che lui invece chiamerà la ricerca. Così un giorno il ragazzo guarirà e tutte le scocciature cesseranno.

LA CAMPAGNA Con lo slogan “E io chiamo la ricerca”, l’associazione Famiglie Sma ha attivato una raccolta fondi con l’sms solidale 45599. L’obiettivo è “potenziare la rete dei professionisti che si occupano di atrofia muscolare spinale e migliorare l’assistenza territoriale dedicata ai pazienti” per distribuire il primo farmaco salvavita ai pazienti con la forma più invalidante di amiotrofia spinale, che sono circa 200 in tutta Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...